quinta-feira, 29 de setembro de 2011

Cânticos próprios do 27º Domingo do Tempo Comum / XXVII Dominica per annum


Textos traduzidos em português cantados na Missa celebrada pelo Padre Armindo Borges na Igreja do Santíssimo Sacramento, 2/10/2011 às 18h.

Partitura do Próprio gregoriano autêntico (PDF)

Intróito In voluntate tua, aqui cantado pelo eslovaco:




Sôbre êste intróito escreveu Tiago Barófio:




Uma outra interpretação, dos Cantori Gregoriani, do mesmo intróito In voluntate tua Domine (seguido, aos 8 minutos e 14 segundos, do tracto da Vigília Pascal no 8º modo: Vinea facta est , cujo texto se lê hoje na 1ª Leitura)
 


Is 5,1-7 (1ª Leitura no ano A)



Ofertório Vir erat:



A comunhão para êste Domingo é In salutári tuo anima mea, aqui comentada por Bruder Jakob:
Il Missale Romanum propone due antifone “Bonus est Dominus sperantibus in eum, animae quaerenti illum” (Lam 3, 25) e “Unus panis et unum corpus multi sumus, omnes qui de uno pane et de juno calice participamus” (cfr. 1 Cor 10, 17). Il Graduale Romanum continua la catechesi sulla traccia del salmo 118. È proposto un estratto dei versi 81, 84b e 86b: “ in salutari tuo anima mea, et in verbum tuum speravi ... Quando facies de persequentibus me iudicium? … iniqui persecuti sunt me, adiuva me (Domine Deus meus)”. Nella traduzione della CE: “(Mi consumo) nell'attesa della tua salvezza, spero nella tua parola ... Quando terrai il giudizio contro i miei persecutori? … A torto mi perseguitano: vieni in mio aiuto, (Signore Dio mio)!”. Questa antifona nella tradizione era cantata in varie circostanze, anche nella domenica XXI dopo Pentecoste che corrisponde all’attuale domenica XXVII del tempo ordinario.
La melodia in re autentico (I modo) attraversa con sobrietà ampi spazi di recitazione. Dopo un altipiano sonoro impostato sul sol e una alternanza tra le due dominanti sol (secondaria) e la (principale), ci si assesta sul la. L’estesa ripercussione su questa nota richiama la salmodia fiorita che accompagna le antifone della Messa, come pure l’innalzamento al do acuto sulla sillaba accentata “persecuti”. Una formula ad “U” (la acuto - re grave - la acuto) caratterizza le sezioni “persequentibus me iudicium iniqui” e, in maniera più incisiva, “Domine Deus”. La cadenza finale con il suo scandicus subbipunctis resupinus è anticipata due volte (trasportata al fa su “speravi”). È opportuno calibrare bene l’intensità della formula; alla conclusione del brano essa gode di una maggiore dilatazione.
Il cantore è in ascolto orante della Parola di D-i-o. Con perseveranza egli non pretende di sentire qualche cosa di straordinario, di captare chissà quale messaggio. Quello che conta realmente è riuscire a raggiungere un atteggiamento di accoglienza che gli permette di porsi alla presenza dell’Altissimo. Fiducioso nella Parola, egli arde di amore. Nella fede si consuma come una candela votiva. Diviene segno di un’attesa che permette alla creatura di adattarsi alla Parola, di conformarsi alla volontà di D-i-o, di accogliere il dono della salvezza, quando e come D-i-o vorrà.
L’abbandono alla misericordia di D-i-o – atteggiamento per nulla passivo ma, al contrario, estremamente coinvolgente tutta la persona – dona la serenità necessaria per affrontare le difficoltà della vita. Di fronte ai mille persecutori – fatti e cose e, forse, anche persone – si erge inespugnabile il muro della difesa: D-i-o stesso. Padre sollecito dei poveri, medico premuroso delle anime, D-i-o si è rivelato nella storia in Cristo Gesù. Quel Signore dell’universo che in ogni Messa si rende nutrimento dell’uomo nel banchetto della Parola e del Corpo e Sangue. C’è davvero motivo per celebrare nella forza dello Spirito l’Eucaristia, il rendimento di grazie. 5-X-2014

Sem comentários:

Enviar um comentário

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Por favor comentai dando a vossa opinião ou identificando elos corrompidos.
Podeis escrever para:

capelagregorianaincarnationis@gmail.com

Print Desejo imprimir este artigo ou descarregar em formato PDF Adobe Reader

Esta ferramenta não lida bem com incrustrações do Sribd, Youtube, ou outras externas ao blog. Em alternativa podeis seleccionar o texto que quiserdes, e ordenar ao vosso navegador que imprima somente esse trecho.

PROCURAI NO BLOG